MARINA CONS - I LINGUAGGI DELL'IDEA

GIOVEDI' 9 MAGGIO 2019
ORE 18.00
STAZIONE ROGERS
RIVA GRUMULA 14, TRIESTE / ITALY

 
MARINA CONS
I LINGUAGGI DELL'IDEA

inaugurazione della mostra a cura di Luciano Celli
presentazione di Giovanni Fraziano e Lorenzo Michelli

Un’esposizione sui generis, quale omaggio al lavoro dell’architetto e designer di origine pordenonese Marina Cons (1960-2012), che ha operato prevalentemente nel capoluogo giuliano.

A cura di Luciano Celli, il percorso espositivo offre una selezione di opere e progetti di questa poliedrica e prolifica professionista. Un inedito componimento che comprende le nuove edificazioni, l’architettura d’interni, gli allestimenti di mostre e musei, il design, la moda, la descrizione scritta del singolo progetto, i testi autobiografici. Il titolo “I linguaggi dell’Idea” riassume bene le molte possibili declinazioni in cui il suo pensiero si è concretizzato attraverso segni, forme, materiali. Questi sono il risultato di una ricerca propriamente eclettica che spazia in molteplici aree della conoscenza: l’arte, la letteratura, la filosofia, la tecnologia, e che rigenera per osmosi l’umanità sviluppando le potenzialità dell’essere umano, da sempre il fulcro gravitazionale delle attenzioni e delle cure di Cons.

Con l’occasione il pubblico potrà visionare il volume Molte cose curiose, Many Curious Things, con la penna di Kenka Lekovich e le fotografie di Massimo Silvano e Francesca Petrus, dedicato al genio e alla personalità di Marina Cons ed edito da LithoStampa (2018).
 

Selezione di lavori, progetti, concorsi

Design • 2011: studi per il re-design degli orologi Solari (Udine); divani “in bigoli” componibili. 2010: spille, mobili, decori per tessuti – serie Zag Zig. 2001: 84 studi per divise e accessori del personale, arredi e corredi del Politeama Rossetti (Trieste); fontana pubblica Giano (Trieste). 1994: concorso di design “Waterlily European Award” (Londra).
Ristrutturazioni e nuove edificazioni • 2011: studio di fattibilità per la ristrutturazione e l’ampliamento dell’agriturismo San Foca (San Quirino, Pordenone). 2001: progetto di ristrutturazione del Politeama Rossetti (Trieste). 1999: progetto di ristrutturazione degli uffici direzionali dell'Azienda per i Servizi Sanitari 1, Trieste.
Architettura d’interni • 2011 uffici e show-room della Solari (New York). 2010: appartamento S. (Trieste); sede della società di navigazione Samer & Co. Shipping (Trieste). 2007-2010: casa P. (Udine). 2007: sede della Acegas A.P.S. Spa (Trieste). 2005: sede della Fondazione CrTrieste (Trieste).
Allestimenti • 2009: mostra  “I Della Robbia. Il dialogo tra le arti nel Rinascimento” (Arezzo). 2006: Museo Commerciale (Trieste). 2001: mostra “Sissi, Isabel de Austria” (La Coruña). 2000: mostra  “Sissi, Elisabetta d’Austria, l’impossibile altrove” (Trieste). 1998: mostra “Shalom Trieste. Gli itinerari dell’ebraismo, famiglie ebraiche a Trieste 1814-1914” (Trieste).
Progetti sul territorio • 2003: concorso per il Nuovo Centro Teatrale (Montalto di Castro, Viterbo); concorso per la sistemazione del piazzale della Basilica di Aquileia (Aquileia, Udine). 2002: concorso per il Graphisoft Park Conference Center (Budapest); sistemazione di viale XX Settembre (Trieste).  1992: Cable Ski Park (Lignano Sabbiadoro, Udine).
*dal volume Molte cose curiose, Many Curious Things

Marina Cons
(San Vito al Tagliamento 1960-2012) si è laureata nel 1986 all’Istituto Universitario di Architettura a Venezia dove per qualche anno è stata ricercatrice presso il Dipartimento di Tecnologia. Trasferitasi a Trieste alla fine degli anni Ottanta, ha iniziato a collaborare come progettista con lo Studio Celli Tognon, realizzando al contempo lavori indipendenti e con altri professionisti. Nel corso di tre decenni di carriera professionale ha lavorato a numerosi progetti e concorsi, nazionali e internazionali, cimentandosi in molteplici aree progettuali: nuove edificazioni, ristrutturazioni, restauro conservativo, regolazione di luoghi urbani, architettura d'interni, design, allestimenti di mostre d'arte e di musei, moda. Abile nel disegno, ha arricchito le sue idee e creazioni con raffinate relazioni scritte, non di rado poetiche. Eclettica e dotata di un tenace spirito di ricerca, ha nutrito una grande passione per la filosofia, l'arte, la letteratura, la scienza, la tecnologia.