OCEAN NIGHT

VENERDI' 11 OTTOBRE, ORE 18.00
STAZIONE ROGERS
RIVA GRUMULA 14, TRIESTE

Associazione Italiana Giovani per l'UNESCO e
One Ocean Foundation
in collaborazione con Stazione Rogers
presentano
'OCEAN NIGHT'
tour italiano "plastic free"
a sostegno della campagna #unite4earth
nell'ambito della 51a BARCOLANA

Approda  a Trieste 'Ocean night’, la serie di eventi proposti in Italia dall’Associazione Italiana Giovani per l'UNESCO, in collaborazione con One Ocean Foundation, dedicati al mare "plastic free" per rilanciare e sostenere la campagna #unite4earth - “uniti per il Pianeta” promossa proprio a Trieste all’UNESCO Italian Youth Forum lo scorso aprile.
L’obiettivo dell’iniziativa è quello di sensibilizzare un sempre maggior numero di persone, in particolare le nuove generazioni, a introdurre nuove abitudini a difesa dell’ambiente, alcune delle quali volte ad evitare la dispersione delle plastiche in mare.
Dopo Roma e Verona il terzo appuntamento arriva a Trieste con l'aperitivo a impatto zero aperto a tutti coloro che desiderano condividere il messaggio della campagna e la salvaguardia del pianeta. L'evento è inserito nel calendario della 51a Barcolana promossa e organizzata dalla Società Velica di Barcola e Grignano che, questa primavera, ha firmato la Charta Smeralda, codice etico di principi e azioni a tutela dei mari redatto dal Comitato Scientifico di One Ocean Forum dello Yacht Club Costa Smeralda.
PROGRAMMA
Aprono la serata Chiara Bocchio, Segretario Generale dell’Associazione Italiana Giovani per l’UNESCO, Giulio Magni, responsabile operativo One Ocean Foundation, Giovanni Fraziano presidente dell’Associazione Culturale Stazione E.N.Rogers, Marina Coricciati, rappresentante regionale dell’Associazione Italiana Giovani per l’UNESCO.
L’Ocean Night Trieste vuole sensibilizzare il pubblico sul tema del cambiamento climatico, dalla protezione degli oceani ai recenti incendi che hanno bruciato ampie regioni in Alaska, Groenlandia, Siberia ed Amazzonia. L’evento pone particolare attenzione alle tematiche sia a livello globale che locale, per promuovere la consapevolezza del clima come un equilibrio del quale dobbiamo prenderci cura con co-responsabilità.
Dialogano su questi temi, assieme a Marina D’Alessandro, addetto stampa del Master in Comunicazione della Scienza “Franco Prattico” presso la Sissa: Alex Bellini, esploratore, divulgatore e Ambassador di One Ocean Foundation, Cosimo Solidoro, Direttore OGS - Sezione Oceanografia, Filippo Giorgi, Climatologo dell’ICTP e dell’Università degli Studi di Trieste, premio Nobel per la Pace nel 2007 con l’IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change), Maria Cristina Pedicchio, Associazione Ambientalista Marevivo Onlus.

A seguire, dj set e aperitivo plastic free.


partner dell’iniziativa:
OGS, Associazione Marevivo, Comune di Trieste, Progetto Area Giovani, Master in comunicazione scientifica “Franco Prattico”.

con il Patrocinio di:
Turismo FVG, ProEsof, Università degli Studi di Trieste, Università degli Studi di Udine

'Perché le Ocean Night?
La plastica costituisce il terzo materiale umano più diffuso sulla terra. Si stima che nell’ambiente siano disperse 6,3 miliardi di tonnellate di plastica, di cui ogni anno 8 milioni di tonnellate finiscono nel mare e negli oceani.

Il prossimo appuntamento Ocean Night si terrà a Milano.

“Dopo il successo del lancio a Roma stiamo portando OceanNight in tutta Italia, e abbiamo l’ambizione di superare i confini nazionali per coinvolgere in questo movimento i giovani di tutto il mondo”, sottolinea Antonio Libonati, presidente di UNESCO giovani. “Ognuno di noi nei più semplici gesti quotidiani può fare la differenza e mettere in atto il cambiamento: l’aperitivo plastic- free ne è un esempio. Per noi è fondamentale parlare ai giovani dei temi che ci stanno a cuore, come la difesa dell’ambiente e delle risorse della terra, alla base della campagna #unite4earth”.

“L’inquinamento delle acque derivante dalla plastica è un’emergenza che ci chiama ad agire adesso e siamo felici di poter stringere questa partnership con Unesco giovani, uniti dall’obiettivo di aumentare la consapevolezza sul consumo di plastica, in particolare tra le nuove generazioni, e proteggere il nostro ecosistema” – commenta Jan Pachner, Segretario Generale di One Ocean Foundation.

 “Il cambiamento climatico è la sfida chiave del nostro tempo e la nostra generazione è la prima a sperimentarlo concretamente, ma probabilmente l'ultima a poter dare un contributo fattivo nel combatterlo”, afferma Marina Coricciati, rappresentante per il Friuli Venezia Giulia dell’Associazione Italiana Giovani per l’UNESCO, “Gli scienziati ce lo dicono da anni ma troppi hanno rifiutato di ascoltare. Noi invece vogliamo dare un segnale, vogliamo sensibilizzare evidenziando che anche un piccolo gesto, se fatto tutti assieme, può portare a un grande risultato”