Panzano "citta giardino" del cantiere di Monfalcone

ROGERS PREVIEW
dicembre 2017


giovedì 14 dicembre, ore 17.30
presentazione del documentario

Dal mare, alle navi, alle case. Panzano ‘città giardino’ del cantiere di Monfalcone” realizzato dalle Produzioni televisive dell’Agenzia Regione Cronache (ARC) – Ufficio Stampa e Comunicazione della Regione Friuli Venezia Giulia in collaborazione con il Comune di Monfalcone (2017, durata 30’)

commentario: Giorgio Gregorio con Paolo Fragiacomo e Edino Valcovich

Sceneggiatura e testo di Mariolina Errico, Paolo Fragiacomo e Giorgio Gregorio che ha curato anche fotografia e regia. Musiche originali di Giorgio De Santi.  Il documentario è stato realizzato dalle Produzioni televisive della Regione e si inserisce nell’ambito di una serie di iniziative del Comune di Monfalcone per ricordare i 90 anni del Villaggio.

A fare da filo conduttore del documentario è l’attore Massimo Somaglino, che accompagna lo spettatore nel racconto per immagini della storia dei fratelli Cosulich, gli armatori originari dell’isola di Lussino che nel 1908 fondano il cantiere navale di Monfalcone e realizzano attorno alla fabbrica un grande quartiere per le proprie maestranze, una vera città nella città, autosufficiente, capace di ospitare 5 mila abitanti e dotata di tutti i servizi, dagli alberghi per gli operai e gli impiegati celibi al teatro e agli impianti sportivi. I Cosulich organizzano inoltre per gli abitanti di Panzano un’ampia gamma di attività dopolavoristiche, culturali, ricreative e sportive.

Il documentario contiene fra l’altro una ricostruzione in realtà virtuale delle varie fasi di realizzazione del quartiere e del teatro, andato distrutto durante il secondo conflitto mondiale, con le tele realizzate dal pittore Vito Timmel, che sono state invece recuperate e restaurate. Vengono inoltre proposte immagini del tutto inedite di Panzano, realizzate con il drone, mentre le testimonianze di vita vissuta degli abitanti sono interpretate da giovani attori.

Il Villaggio di Panzano, che è stato oggetto in questi ultimi anni di un’ampia opera di recupero e valorizzazione grazie anche ai finanziamenti previsti da un’importante legge regionale (28\1995), costituisce uno dei più importanti e interessanti esempi in Italia, per dimensioni e servizi offerti, di intervento urbanistico e sociale di un’impresa a favore dei propri dipendenti.