THINKING ARCHITECTURE - GORIZIA

Mercoledì 7 marzo alle ore 15
presso l'Università di Trieste, Polo Universitario di Gorizia di Via D'Alviano 18, aula 201
Špela Hudnik presenterà il lavoro di Monochrome Arhitekti


Monochrome Architects
Špela Hudnik e Peter Vezjak sono presenti sulla scena architettonica da più di 20 anni. Nel tempo hanno creato un linguaggio architettonico riconoscibile ed un network globale basato sullo scambio del capitale intellettuale. Hanno collegamenti internazionali e sono presenti professionalmente sia in Slovenia che all'estero.
Il loro innovativo approccio sperimentale, la serie di straordinari interni, il pensiero critico e la creazione di un dialogo attraverso al biennale di architettura sono proseguiti con progetti architettonici a Parigi, a Klagenfurt, a Londra e in Portogallo con la Villa Jenny.
Quest'ultima opera ben esprime l'approccio di ricerca e di design multidisciplinare di lunga data di entrambi gli architetti: nel progetto essi creano atmosfere spaziali diverse e collocano l'architettura in un contesto dominato dalla natura, dalla luce e dal silenzio trasformandola in un dispositivo di inquadramento di sequenze naturali di volta in volta differenti. 



Spela hudnik will presents their work at the 7th of march at 3pm
University of Trieste, Gorizia headquarters.
D'alviano St., 18 - Gorizia
room 201




Monochrome architects- spela hudnik & peter vezjak are more than 20 years presented in the architecture scene. They create recognizable architecture dialog, global network and exchange of intellectual capital. They are international related and presented on slovenia as well as abroad. Their innovative and experimental approach , series of extraordinary interiors, critical  thinking and creating the dialog through architecture biennale is continued  with international architecture projects in paris, klagenfurt, london and last villa jenny in portugal. Villa jenny express the longtime multidisciplinary  research-design approach of both architects. In the project they are creating different space atmospheres and  place architecture in the context of the dominant nature, light and silence as well as  framing the natural sequences.




in collaborazione con Associazione Stazione E.N.Rogers